Affrontare una ristrutturazione è una vera avventura: gli aspetti da valutare sono moltissimi e di natura completamente diversa. Ci si pone una miriade di domande e spesso è difficile trovare risposte utili e chiare.

Il Blog di Linea Ceramica è il posto giusto dove trovare queste risposte e molti altri suggerimenti. I nostri collaboratori, esperti e preparati, pubblicano qui articoli di approfondimento legati alle questioni cardine che ogni cliente deve valutare quando decide di rinnovare il bagno, cambiare i rivestimenti di pavimenti e pareti di casa o rimodernare il proprio hotel o negozio.
Dalle questioni amministrative, dai consigli di stile sino alla descrizione delle caratteristiche tecniche dei materiali, qui troverai tutta la qualità dell’assistenza Linea Ceramica!

 

Lo stile industrial

Sabato 26 settembre 2020, di arch. Andrea Bozzo

Il pavimento industriale, come dice il nome stesso, non è altro che la pavimentazione utilizzata negli impianti produttivi: solitamente in cemento, deve rispondere ad esigenze di alta resistenza meccanica, durevolezza e facilità di manutenzione e pulizia. Ha cominciato a far innamorare gli interior designer già nei lontani anni ‘60/’70 del scorso secolo quando, in America, gli artisti si sono appropriati di vecchi capannoni abbandonati per realizzare i loro atelier o sale prove. Le superfici industrial hanno infatti una vocazione espressamente urbana, per ambienti che vogliono rendere omaggio alla capacità produttiva, immaginativa e tecnologica dell’uomo. Tutto lo spazio può assorbire questo spirito dato che i rivestimenti in questo stile possono essere sia verticali che orizzontali, per ambienti ridotti o generosi, indoor e outdoor.

Marazzi – parete: collezione Bricco; pavimento: collezione
Marazzi – parete: collezione Bricco; pavimento: collezione

Gli ambienti ideali per questo stile sono i loft che hanno di nascita una matrice industriale o commerciale: che siano organizzati come open space o con stanze separate, le finiture metalliche, cementizie o i mattoni a vista fanno parte della loro stessa natura. Ciò non esclude che tipologie residenziali, professionali, retail o ricettive non possano trovare proprio in questo stile la spinta in più per esprimere appieno il proprio carattere o la propria vision aziendale.

Oggigiorno i pavimenti industriali sono realizzati, oltre che in cemento, anche in resina (materiale che garantisce spessori molto ridotti) o PVC (in rotoli, con posa a secco, con buone prestazioni di isolamento termico e acustico).
I pavimenti di questo tipo, dunque, sono la soluzione ideale per chi vuole una superficie minimale, moderna, molto resistente oltre che agli urti e all’usura anche all’unto ed allo sporco, con superfici lisce e continue, prive di fughe. Sono particolarmente indicati, inoltre, nei casi in cui si opti per il riscaldamento a pavimento: hanno infatti un’ottima conducibilità termica che quindi li rende adeguati anche agli ambienti residenziali, offrendo una confortevolezza al tatto molto elevata. Per i cementi, con la levigatura, si possono ottenere diversi gradi di lucentezza a seconda del gusto del cliente e del progettista. Inoltre è ormai ampia la gamma di colorazioni e personalizzazioni offerte dalle diverse aziende.
Il pavimento in cemento però necessita di spessori piuttosto importanti. Limite che invece supera un prodotto estremamente innovativo che regala un effetto materico ma che è totalmente privo di gesso, cemento e resina: è la malta ecologica, un materiale eco-compatibile che può rivestire pareti, pavimenti e persino arredi, dalle prestazioni veramente competitive. Ignifuga, traspirante, resistente agli urti, impermeabile e riciclabile, è priva sostanze tossiche per l’uomo e l’ambiente. Permette di realizzare superfici continue senza fughe in spessori estremamente contenuti e può essere personalizzata in un’ampia varietà di colori e texture. Potete toccarla con mano nell’allestimento che abbiamo creato nel nostro showroom e che vi abbiamo presentato in questo post di qualche tempo fa.

Marazzi – parete: collezione Bricco; pavimento: collezione
Soloeco – Malta ecologica

I pavimenti industrial non necessariamente devono essere realizzati in opera. Nel tempo la passione per questo stile ha portato molti rivestimenti tradizionali e nobili a “sporcarsi”: per esempio, l’“effetto industrial” del cemento e del metallo ha “vestito” anche il gres porcellanato. Rispetto ai veri pavimenti industriali, le prestazioni di questi rivestimenti sono più consone agli ambienti domestici e al retail, in particolare per quel che concerne la facilità di posa, gli spessori e la varietà di pattern.
In particolare questo materiale ha sposato l’effetto metallo, molto apprezzato sia negli spazi privati che pubblici, per il carattere estremamente underground delle texture e delle colorazioni. Le superfici sono materiche, tridimensionali e giocano sul contrasto ruvido/brillante: un carattere deciso dato dalla carica espressiva delle lamiere ossidate dal tempo come nella collezione Oxy di Mirage che propone anche la versione con vecchie scritte logorate.

Mirage – Oxy / Blackmore OX 01
Mirage – Oxy / Blackmore OX 01

Ma sebbene sia estremamente contemporaneo, lo stile industrial può far emergere nel cliente il timore di creare un’atmosfera un po’ troppo fredda e poco accogliente, situazione decisamente poco gradevole se si tratta di ristrutturazioni di case o alberghi. In questo caso viene in aiuto il legno, materiale naturale e caldo per antonomasia che può fare suo il gusto per gli spazi produttivi, riproponendo e nobilitando i segni del lavoro delle officine, presentando senza vergogna graffi e chiodi. Come fa Mafi con la collezione Carving Grunge in cui si crea una straordinaria simbiosi tra la naturale struttura del legno e la varietà del design grafico. La tecnologia all’avanguardia perfezionata da quest’azienda austriaca, permette di scolpire con disegni e scritte dal sapore contemporaneo le superfici di pregiato rovere oliato naturale. Il sapore rude del sound grunge della Seattle degli anni ‘90, è interpretato dal design non convenzionale di questa collezione originale.

Mafi -  collezione Carving Grunge
Mafi – collezione Carving Grunge

Infine non possiamo dimenticare il LVT, Luxury Vinyl Tile (di cui vi abbiamo parlato lo scorso mese in questo post), figlio del PVC industriale evolutosi in funzione delle nuove esigenze dell’ambito residenziale e commerciale. Il suo successo è legato soprattutto alla possibilità di essere impiegato nelle ristrutturazioni in cui non si possa o voglia (per comodità o limiti di budget) demolire il pavimento esistente: spessori minimi, posa ad incollaggio, flessibilità del materiale lo rendono semplice e rapido da installare. Inoltre sono contenuti i costi sia per il cliente che per l’ambiente: il pavimento vinilico è 100% riciclabile.
I LVT emergono rispetto ai tradizionali pavimenti vinilici per la qualità grafica ed il potenziale decorativo: cemento, mattone, pietra, metallo, legno, graffiato, acidificato o arrugginito… una vastissima gamma di effetti, colori e pattern riprodotti ad altissima risoluzione in solo 2mm di spessore.
L’alto livello tecnologico non riguarda solo la stampa della finitura ma anche la produzione che ha portato alla definizione di due tipologie: autoadesiva (ad incollaggio) e a incastro (“a click”). Entrambe le categorie si presentano in formati ridotti (non più in rotoli come il PVC) simili alle piastrelle o ai listoni, per una più agevole e rapida posa in opera.

Gerflor - collezione Virtuo click
Gerflor – collezione Virtuo click

Ovviamente anche l’arredo ed i dettagli (per esempio gli impianti, gli accessori, la rubinetteria) che andranno poi a completare il progetto, sia che si tratti di un appartamento, uno studio professionale o un negozio, dovranno essere coerenti con lo stile metropolitano che le finiture conferiranno: via libera dunque all’high-tech ma anche al pezzo vintage e d’antiquariato, sapendo ben dosare gusto retrò e ipermodernismo. Il risultato finale sarà estremamente fresco ma altrettanto accogliente, giovane ma che fa tesoro dell’esperienza del passato, moderno ed altrettanto sofisticato ed elegante.

Rubinetterie 3M – collezione Romantica
Rubinetterie 3M – collezione Romantica

Quindi, se desideriamo regalare un’atmosfera urban agli spazi della nostra vita, abbiamo un ampio ventaglio di soluzioni a nostra disposizione che possono coinvolgere un angolo come l’intero ambiente.
Vieni a scoprire quelle più adatte a te nello showroom di Linea ceramica in via Castellana 175/a!

#top